Questo sito usa i cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Le info sulla tua navigazione sono condivise con queste terze parti. Navigando nel sito accetti l'uso dei cookie. Privacy

OK

BIO

Niccolò "Bolla" Bonavita è un giovane contrabbassista, compositore e produttore discografico milanese. Diplomato in Contrabbasso presso la Scuola Civica di Jazz di Milano, inizia lo studio del basso a 16 anni e dai primi anni 2000 si dedica al jazz e alla black-music in tutte le sue forme. Inizialmente con varie formazioni jazz e band reggae, alterna da subito le esibizioni live alla passione per la produzione di musica elettronica. Il suo progetto principale è il Bolla Trio, che partendo dal classico trio jazz, arriva oggi ad aprirsi a nuovi ritmi e sonorità, attraverso molte collaborazioni tra le quali spiccano: Giulietta, Mr. T-Bone, Tonino Carotone, Wena, Rayna, Sista Awa e altre ancora. Dall' hip.hop al neo-soul e al funk, non disdegnando i colori mediterranei. Il primo disco del Bolla Trio, So Fat, è uscito nel marzo 2016 ed è disponibile negli store, anticipato dal singolo Feeling Blue. Cantato da Giulietta e' realizzato con un innovativo videoclip a 360 gradi. Attualmente è in lavorazione il secondo album. Contemporaneamente Bolla svolge attività da turnista con numerosi artisti, esibendosi in tutta Europa e in Giappone. Come contrabbassista jazz ha suonato in moltissime formazioni; dal duo alla big band, con artisti di fama nazionale e internazionale. Considera il Giappone la sua seconda casa in quanto è spesso invitato per esibirsi. Le performance più frequenti di Niccolo’ in duo sono con Arya Delgado, Marco Galvagno e Dora Scapolatempore.

 

Bolla & Arya Delgado

 

Arya Delgado, cantante soul classe '94 di limpidissimo talento; figlia d'arte (il padre è Orlando Watussi, cantante venezuelano e icona della scena salsa mondiale), già vanta collaborazioni internazionali tra cui spicca Debby Bishop, (storica corista di Freddie Mercury).  Si è esibita in mezza Europa e in Sud America in numerosi progetti soul e jazz a suo nome e sta preparando il suo primo disco da solista, atteso a fine 2017.

 

Bolla & Marco Galvagno

 

Marco Galvagno, figlio di un compositore e pianista, si dedica allo studio della chitarra fin da bambino. Studia con il M° Crivelli la tecnica jazz. All’età di 23 anni comincia la sua attività concertistica. Vince il primo premio nel 4° Festival chitarristico della città di Voghera, e il Trofeo internazionale della città di Casarza Ligure. Acustic Guitar International Meeting lo classifica tra i primi dieci chitarristi italiani. Sempre molto apprezzato dalla critica, intraprende collaborazioni con noti artisti quali George Aghedo, Marco Fadda, Armando Corsi, con il quale incide il disco “Itinerari”, Juni Russo, nel disco un “Estate al mare”, Dirotta su Cuba nel disco “Dentro ogni attimo”. Nel 1994 partecipa al Festival Bar con Marie Claire d’Ubaldo. Si specializza in Spagna con il M° Paco Miguel Charo nella tecnica del flamenco. Intraprende tournèe in Italia, Germania, Svizzera, USA con il gruppo di propria formazione Los Duendes con il quale incide il disco “Duende”. Nel 1994 si diploma presso il conservatorio di La Spezia, preparato dal M° Briasco. Nel 2000 pubblica il "Trittico per chitarra", edito da De Vega. Attualmente svolge anche attività didattica presso la propria scuola AlmaMusica di Genova. Ha di recente pubblicato il suo nuovo e album “Fantasia Gitana” con brani inediti.

 

Bolla & Dora Scapolatempore

 

L'arpa è uno degli strumenti più affascinanti, tanto per le orecchie quanto per gli occhi. Dal suono dolce e quasi celestiale, dalle stesse possibilità polifoniche di un pianoforte, negli ultimi decenni si è incominciato ad abbracciare altri stili e altri generi con questo strumento. L'arpista Dora Scapolatempore, ne è un esempio, visto che negli anni dalla musica classica si è avvicinata ad altri generi, in primis al jazz nelle sue varie forme. Propone un repertorio molto vario e contaminato intriso dalla delicatezza del suo tocco. Dora Scapolatempore è laureata presso il Conservatorio di Milano. Ha seguito il corso per l’autoimprenditorialità musicale (Teatro alla Scala), i corsi di musica pop del CET (università della musica fondata da Mogol), il seminario Nuoro Jazz e il MAS in musica contemporanea da camera presso il Conservatorio di Lugano. Si è esibita in Festival e Rassegne nazionali ed internazionali in solo, in ensemble, orchestra (Rio Harp festival, MiTo, Simc '900 Presente, Bustofolk, Time in Jazz, Nuoro Jazz). Attualmente è impegnata nei suoi progetti di musica e teatro Limelight, un mimo tra le note omaggio a Charlie Chaplin, LetteralmenteDivina promosso dal RavennaFestival, Un Giorgio di ordinaria Follia di Giorgio Verduci (comico tv Zelig) e Dante non aveva l'Iphone della compagnia Satiri di Storie. Svolge attività didattica presso varie scuole di musica private e statali.

GALLERIA FOTO